martedì 30 settembre 2008

RealScoop smaschera le celebrità che mentono



Alessandra Carboni
Il Corriere della Sera
29 settembre 2008

Una macchina della verità versione 2.0 per riconoscere le bugie di politici e vip

Un'immagine da un video su RealSccop in cui viene applicato l'indicatore di credibilità a un discorso di Sarah Palin
Quante volte, ascoltando le dichiarazioni di uomini politici e personalità pubbliche varie, viene il dubbio che quei bei discorsi siano infarciti di menzogne e falsità raccontate solo per accattivarsi il favore della gente o per nascondere reali e meno nobili intenzioni? Tante. Ed è per questo motivo, per soddisfare la curiosità di molti di sapere se - per esempio - le promesse del politico di turno sono solo bugie, che una start-up americana ha creato RealScoop, una community online dedicata a tutti coloro che amano i vip e le celebrità e seguono con interesse la vita di uomini della politica e personaggi di spicco, ma che la menzogna non la possono proprio sopportare.

SCOVA BUGIE - Il sito di RealScoop offre infatti uno strumento che - a detta degli ideatori - permette di smascherare i bugiardi. Come? Semplicemente grazie a una speciale tecnologia di analisi della voce - battezzata Believability Meter - che pare sia la stessa già utilizzata dalle forze di sicurezza per la prevenzione del crimine. Questo termometro della credibilità, in grado di analizzare circa un centinaio di elementi vocali ed eseguire oltre mille operazione al secondo, processa le registrazioni audio e permette in pratica di visualizzare in tempo reale quando chi parla sta mentendo o dice la verità, il tutto tramite una scala graduata che cambia colore dinamicamente via via che il sistema analizza la voce. Quando il termometro raggiunge il rosso significa ovviamente che le dichiarazioni del personaggio di turno sono altamente discutibili.

CHI MENTE E CHI NO - Sulle pagine di RealScoop è possibile curiosare tra numerosi file audio e video di dichiarazioni di celebrità quali Michale Jackson, Tom Cruise o Michael Moore, e chiaramente non mancano all'appello le voci dei politici statunitensi, Obama e Sarah Palin compresi. E proprio la Palin, assieme a Joe Biden, martedì sarà nel mirino di RealScoop, che analizzerà le dichiarazioni dei candidati alla vicepresidenza per svelare agli elettori chi dei due (e quando) non la racconta giusta. Che si creda o no all'affidabilità del sistema, è sicuramente divertente osservare il Believability Meter durante l'analisi della dichiarazione rilasciata da Bill Clinton ai tempi dello famoso scandalo: alle parole «non ho mai fatto sesso con quella donna, la signorina Lewinsky» e «le accuse mosse nei miei confronti sono assolutamente false», il termometro si tinge inesorabilmente di rosso.

2 commenti:

Luigi Morsello ha detto...

Scommettiano che Berlusocni compra il brevetto e lo mette in frigorifero ?
Pensate un po': scoprire tutte le sue bugie : una goduria !

Luigi Morsello ha detto...

Sorprende che nessun blogger abbia realizzato la esplosiva potenzialità di questo softwhare.
Nessuno che va in TV può più mentire impunemente perchè viene smascherato dal programma !
Cribbio !!!