sabato 21 maggio 2011

Un abuso da fermare

di GIUSEPPE D'AVANZO

Un altro limite è stato superato, forse irrimediabilmente. Un prepotente, abusando in modo autoritario del suo potere e del conflitto d'interessi che lo protegge, ha rovesciato il tavolo. Si è assiso dinanzi alle telecamere di tutti i notiziari e, infischiandosene di ogni regola, si è lanciato in messaggi promozionali per i candidati della destra. Che cosa resta più del corretto gioco elettorale dopo questo oltraggio? Ci sono da qualche parte nelle istituzioni le energie e la volontà per mettere fine a questa oscenità per la democrazia? In tutte le battaglie che ha combattuto - politiche, economiche, finanziarie, fino ai conflitti matrimoniali - Berlusconi ha truccato le carte, ingannato gli antagonisti, corrotto gli arbitri, violato le regole del gioco.

Tecnicamente, è un imbroglione perché "ricorre al raggiro in modo abituale". Lo fa anche ora. Ha gli arnesi mediatici a sua disposizione. Li adopera come meglio crede rifiutando ogni autocontrollo, non riconoscendo alcun limite e norma. Dopo giorni di silenzio assordante, il premier s'impadronisce degli schermi televisivi in un illegittimo, abusivo appello alla Nazione frammentato nelle interviste al
Tg1, Tg2, Tg5, Tg4, Studio Aperto e al Gr, con uno straniante effetto orwelliano: dovunque fossi sintonizzato, ti raggiungevano la sua voce e le sue parole. Si scrive "interviste", ma l'espressione è alquanto impegnativa per l'umiliante - e servile - spettacolo che tocca osservare. Il Cavaliere quando mette la testa fuori dal Palazzo vuole un ambiente protetto. Riparato e sicuro come il salotto di casa. Così è stato, come d'abitudine anche ieri sera. Mai che l'uomo si avventuri in mare aperto in un confronto pubblico con un suo competitore politico. Si tiene al coperto e getta sulla bilancia non i suoi argomenti (ne ha solo uno da 17 anni e lo vedremo), ma il nudo potere sui media, personali e pubblici. La prepotenza di Berlusconi dovrebbe trovare un contrappeso nelle autorità che custodiscono, per missione o per legge, il principio di uguale chance.

Tace, al contrario, l'Autorità per le garanzie delle comunicazioni a Roma. Non pervenuto alcun accenno alla questione dalla commissione parlamentare di vigilanza dei Servizi Radiotelevisivi. Nessun imbarazzo dal presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, che posa da inossidabile "liberale", qualsiasi sia il significato che l'uomo attribuisce alla parola. Nessun gemito dal consiglio d'amministrazione dell'azienda pubblica. Non una parola dal nuovo direttore generale della Rai, Lorenza Lei.
In questo silenzio - come definirlo: complice, vile, intimorito, rassegnato? - l'operazione mediatica, predisposta dal premier per ridimensionare la batosta elettorale di domenica scorsa, potrà continuare fino a quando - a babbo morto - i garanti e i custodi dell'equilibrio comunicativo faranno sentire uno spaventoso ruggito del coniglio. È quel che accadrà? O garanti e contrappesi troveranno la decenza di opporvisi? E se non troveranno il decoro della loro funzione pubblica, potremo ancora parlare di una corretta competizione elettorale?

Irrompere così nei notiziari televisivi consegna a Berlusconi un vantaggio manifesto. Anzi, un doppio vantaggio: nascondere la sconfitta del 15 maggio; definire l'agenda dei temi che terranno banco negli ultimi sette giorni che separano le città dal secondo voto. I tempi, in queste faccende, sono essenziali, decisivi. Il premier e il suo staff, con la loro mossa illegale, hanno tenuto in considerazione quel che gli inglesi chiamano "gettare i corpi in mare". Se devi buttar giù un boccone amaro o mostrare una statistica che boccia le tue politiche, non farlo mai di lunedì. Fallo quando l'attenzione è allentata, quando c'è in circolo un'altra notizia più ingombrante. Il venerdì sera è il giorno più adatto, consigliano gli inglesi: tutti pensano al fine settimana e sono distratti.

Berlusconi parla di venerdì sera in notiziari dipendenti o addomesticati e decide di che cosa si discuterà nell'ultimo tratto di campagna elettorale, un'opportunità che consente di decidere anche (o soprattutto) di che cosa non si discute. Per il capo del governo una chance che gli permette di nascondere la sua rumorosa sconfitta, di non discuterne. Nessun intervistatore ha naturalmente osato affrontare la questione. Nessuno ha ricordato ai telespettatori che Berlusconi si è presentato a questo appuntamento amministrativo trasformandolo in referendum politico nazionale sulla sua persona e sul suo governo. Il premier chiedeva consenso - un consenso pieno: due immediate vittorie a Milano e Napoli, due ballottaggi a Torino e Bologna - per manomettere la Costituzione, dichiararsi legibus solutus e piegare i pubblici ministeri al potere dell'esecutivo. Ne ha ricavato, al contrario dei suoi auspici, la vittoria al primo turno delle sinistre a Torino e Bologna, ballottaggi a Milano e a Napoli. A Milano con il candidato della sinistra, Giuliano Pisapia, in vantaggio di sette punti.

Di questa disfatta politica, che lo punisce personalmente, che mostra quanto abbia perso ogni contatto con il Paese e quanto il Paese cominci ad essere insofferente alle sue menzogne, il Cavaliere non vuole a parlare. Non può parlare. Dovrebbe assumersi una responsabilità pubblica e l'informazione serve anche a questo, in fondo, a chiedere al potere di assumersi le sue responsabilità in pubblico. Non è il caso dell'informazione al servizio del Capo che tira via offrendogli la preziosa possibilità di scrivere l'agenda dei temi che terranno banco nella prossima settimana. Quali sono? I soliti, gli stessi di diciassette anni fa. In soldoni, o votate me o i comunisti prenderanno il potere. La filastrocca, ammuffita e noiosa, è sempre uguale. Non c'è un'altra anche se siamo nel 2011. Il premier riesuma una formula politica degli Anni Cinquanta, "le Estreme", per mettere in guardia i milanesi in un discorso dove le parole chiave sono "programma illiberale delle sinistre", "bandiere rosse in città", "Milano, città islamica", "centro sociali dappertutto", "meno tasse per tutti". Nulla di nuovo, l'abituale discorso d'odio (hate speech) ideologico che propone un nemico (le "sinistre estreme", gli "zingari", gli "islamici") per orientarsi nella complessità. Ancora una volta la dottrina di Berlusconi vuole sostituire ogni approfondimento delle informazioni, la concretezza di una discussione, l'efficacia del confronto politico, in una polarizzazione che chiede agli elettori una delega: soltanto io posso difendervi dal nemico in avvicinamento. Un messaggio che Berlusconi intende imporre con la prepotenza e l'abuso di potere. Chi ha il dovere di assicurare l'equilibrio dell'informazione e un corretto confronto politico faccia sentire la sua voce. Subito. Prima che sia troppo tardi.

(21 maggio 2011)

16 commenti:

Anonimo ha detto...

Quando uno ha nel sangue la falsita'!!!!!!!!!!!!!!!!!

LUIGI A. MORSELLO ha detto...

Ti riferisci a mr. B. o a Giuseppe D'avanzo?

Gruss ha detto...

Per dare tanta importanza a queste elezioni amministrative, vuol dire che la barca del centro-destra ha delle grosse falle e sta facendo acqua.
"SPERO CHE GLI VADA MALE", sopratutto per il fango che sono capaci di gettare sugli avversari e per la incapacità di accettare una sfida nell'ambito della correttezza.
Sono esseri disgustosi!

Francy274 ha detto...

Siamo tutti in apnea fino a Lunedì, quando si sapranno i risultati...Mi gratifica che la sofferenza di b. è aumentata, l'auditel televisivo che si aspettava ha fatto flop... Il vento è cambiato in Europa, anche da quelle parti aspettano ansiosi il verdetto elettorale italiano, una prova di banco per tutti i potenti. Speriamo di non deludere i cittadini europei, contano su di Noi!

Anonimo ha detto...

Dalla nascita della repubblica a tutt’oggi sono passati ben 63 anni.
Tutti quelli che ci hanno amministrato,Governanti e Oppositori
Si sono coalizzati per la spartizione della Torta,come fanno le Grandi Multinazionali
Nei laboratori della Politica,per confondere le idee e strumentalizzare le menti più deboli
hanno dato Vita hai virus , come le Brigate Rosse e Nere - P2 –Massoneria- Berlusconi -Mafia- Camorra- ecc ecc tutti Azionisti, che si spartiscono le quote ad ogni Legislatura
la percentuale varia secondo il Partito che al momento Governa alla faccia del Popolo.
Urge trovare al più presto, un vaccino che ci liberi da questi virus, perché il sistema sta andando in cancrena. VITTORIO

LUIGI A. MORSELLO ha detto...

Caro Vittorio, forse ti sfugge la definizione del concetto di qualunquismo. Ciò affermo perché a me sembra che il tuo commento appartenga questo genere. Allora chiarisco, con parole non mie, la definizione di cui sopra. (SEGUE)

LUIGI A. MORSELLO ha detto...

"Con il termine qualunquismo si indica un atteggiamento vagamente ispirato dalle azioni del movimento dell'Uomo qualunque, e che rinnega o almeno intenzionalmente ignora l'aspetto politico del vivere associato. Comparve in Italia nell'immediato dopoguerra. È caratterizzato da una generica sfiducia nelle istituzioni, nei partiti, nei vari soggetti della politica, veduti come distanti, perniciosi o comunque di disturbo, di intralcio, nell'autonomo perseguimento delle soggettive scelte individuali. Questo atteggiamento è in genere considerato negativamente dagli individui politicamente attenti, che ne sottolineano i rischi connessi al rifiuto della partecipazione in un sistema democratico. Spesso l'attributo "qualunquista" è usato con senso spregiativo nel dibattito politico.
Sul qualunquismo si sono svolte analisi a diversi livelli, ad esempio in sociologia e in storia, partendo dall'assunzione dei contesti fattuali in cui ebbe a svilupparsi subito dopo l'instaurazione in Italia di un regime democratico. Le evidenze del tutto negative del mondo politico, subito dopo la sconfitta, offrivano molti spunti per lo sviluppo di sensazioni diffuse di insufficienza dei sistemi sociali, talvolta sfociando in non isolati casi di "depressione collettiva" per i quali il rigetto aprioristico della rappresentanza politica passiva ben poteva essere uno degli esiti. Fra i motivi di maggior disdegno della funzione di rappresentanza, vi erano certamente aspetti materiali come i lutti, le macerie, l'impoverimento, la perdita di status precedentemente acquisiti; e vi erano anche aspetti ideali come la guerra persa, la ferita gravissima all'immagine dell'appena costituita nazione, i tradimenti e le fronde, le riproposizioni e le camarille, l'attribuzione di potere a soggetti rivelatisi insufficienti (anche vista come causa delle negatività), e molti altri simili argomenti.
Si sono proposte perciò definizioni di vario genere, alcune influenzate da convincimenti personali, altre non nitidamente disinteressate, ma spesso concorrenti nell'indicare supposti riscontri di fenomeni psicologici collettivi. Un supposto fattore egoistico, opportunistico, potrebbe - si è detto - scardinare e rimuovere alla radice le motivazioni di adesione al contratto sociale, portando a considerare ciò che è "pubblico" come antagonistico, concorrenziale o belligerante, in qualche modo in danno, almeno temuto, della "sopravvivenza" o del restauro della tranquillità individuale. Ed anche l'aggravio delle sofferenze materiali nella quotidianità, effetto tipico dei tempi di crisi, condurrebbe naturalmente verso stati di necessità nei quali le esigenze individuali parrebbero del tutto sopraffare la possibilità di apertura all'attenzione verso le esigenze collettive, con conseguente demonizzazione di chi per ruolo o per convinzione tali istanze collettive rappresenti o solleciti (alcune analisi si sono spinte ad ipotizzare analogie con le risultanze di alcuni studi della sociologia criminale e della psichiatria forense).
Vi è perciò stato chi ha parlato di "fisiologicità" dello sviluppo di simili reazioni, come anche di una analoga fisiologicità per la quale questo tipo di reazione sarebbe di più pronta suscitazione presso i "delusi" di orientamento moderato-conservatore, essendo questi quelli maggiormente desiderosi di una strutturazione sociale "solida" e di una rappresentanza politica affidabile; per questo taluni hanno suggerito che potesse volgere a danno delle destre (rappresentanti modelli sociali "forti") attraverso un depauperamento dell'elettorato di riferimento. Da altri si è obiettato invece che il qualunquismo arrecherebbe vantaggio proprio a quelle parti della politica conservatrice che, dal disinteresse sullo svolgimento della delega democratica, trarrebbero miglior agio di introdurre modifiche sistemiche secondo comodo."(Wikipedia).(SEGUE)

LUIGI A. MORSELLO ha detto...

Ciò premesso, l'abuso cui fa riferimento Giuseppe D'Avanzo è quello del premier, il quale, in dispregio di ogni regola, democratica e specifica e del settore, ha per l'ennesima volta occupato le sue tre reti e due reti Rai, per la sua propaganda elettorale: ti sembra accettabile? (FINE)

LUIGI A. MORSELLO ha detto...

Speriamo!

Anonimo ha detto...

non ne ho molta di fantasia. Perché credo che l’utopia ,sia la luce per un domani migliore. Per fare si che questo entri nelle menti va alimentata, e credimi faccio molta fatica, perché io appartengo alla moltitudine che è nata ne l’era fascista, dove gli analfabeti erano la maggioranza, siamo sopravvissuti al fascismo,alla distruzione della guerra, ma il sogno utopico non ci a mai abbandonato,con sacrificio abbiamo ricostruito L’ITALIA da consegnare hai nostri figli,per un domani migliore. L’ignoranza credevamo fosse la nostra debolezza , ma i fatti ci hanno smentito. Noi senza licenza elementare abbiamo avuto come insegnante l’esperienza, che ci a fatto capire che le ideologie non esistono,sono solo create ad arte dalla classe dominante, per creare fazioni da sottomettere al proprio volere. Ti domanderai ma dove vuole arrivare? Ci arrivo subito, al sogno utopico, che se venisse coltivato è l’unica salvezza. L’utopia unica luce per un domani migliore, senza partiti che fanno chiacchiere da 63 anni. Utopia per un popolo coeso ha l’interesse comune, e non dei pochi come avviene da sempre, con la sparizione di tutto ciò che sino ad oggi ci a ingannato, per il loro tornaconto. Sfruttando credenze politiche e religiose, hanno approfittato dell’ignoranza, per gettare radici cosi profonde del male, da ingannare anche chi ignorante non è. Tutto questo ha fatto il suo tempo,per questo più li lascerete al potere, e più si avvicinerà la fine, fa da spia la crisi mondiale, creata dalla cupidigia
anticamera della fine di tutto. L’unico antidoto è il sogno utopico che diventa realtà, rispecchiando cosi il volere di chi ha creato un mondo perfetto. Dominato dalla gente più imperfetta che esista sulla faccia della terra. L’utopia è il messia del terzo millennio dove quell’uno per cento che domina il mondo, cederà il passo al nuovo, privo dell’interesse dei pochi , a beneficio di tutto il mondo, unito in un solo credo, la fratellanza . scusami se ti ho annoiato, ma noi ignoranti con pochi vocaboli ci ripetiamo allungando lo scrivere per spiegare il nostro pensiero. VITTORIO

LUIGI A. MORSELLO ha detto...

Caro Vittorio, ho esordito il mio commento proprio scrivendo "Caro Vittorio". Se mi avessi annoiato primo non sarei degno di tenere un blog, dovendo accettare tutti i commenti, salvo quelli illegittimi o illeciti. Non è questo il caso. Ma avrei anche potuto non pubblicare il tuo commento, cosa non ho fatto, perché ritenevo, come ritengo tutt'ora, utile dialogare con te.
Noterai che non uso il grassetto per non essere frainteso.
Da ciò che scrivi credo che tu abbi qualche anno più di me e forse anche qualcuno di più, e io sono del 1938.
Continua a leggere il mio blog e a commentare e scusami se ti ho dato una non buona impressione. Ciao. LUIGI

Anonimo ha detto...

Anime sospese
le ho viste aggirarsi in tutte le stazioni
in cerca della loro identità perduta
vita vissuta ai margini della dignità
imposta da una società malata
Priva di amore verso i più umili
che stanchi di lottare si sono arresi
assistendo impassibili alla vita che non gli appartiene più
Vita ricercata nella folla frettolosa
schiava del tempo che passa veloce
come fossero automi taluni offrono una moneta
tenendo in vita queste anime sospese
condannate ha fare da specchio a tutta l’umanità. ( A .Vittorio )

PS il Mondo di (domani?)

LUIGI A. MORSELLO ha detto...

Però, sei anche poeta. Qui caschi male, non è il mio campo!

LUIGI A. MORSELLO ha detto...

Allora, adesso so che Vittorio è un cognome. Me lo dici quanti anni hai?

Anonimo ha detto...

siamo coetanei.
la a sta per Andrei
è una mia anomalia quella di mettere prima il cognome. Buona Serata.
Vittorio

LUIGI A. MORSELLO ha detto...

Non si tratta di anomalia, nei documenti ufficiali, nei registri di classe dei nostri insegnanti, in carte d'identità, patenti e simili si fa così: prima il cognome e poi il nome.
La bizzarria, se di bizzarria si tratta, sta nel fatto che tu hai punteggiato il cognome e non il nome nel firmare la tua poesia.
In Sicilia (io sono originario) dicono: gnenti ci fà!